5
Set

Interesse semplice e composto

Nella vita di tutti i giorni si sente spesso parlare di interessi, percentuali, rendimenti ecc., ma spesso non si pone abbastanza attenzione a capire se quello che ci stanno offrendo sia un tasso di interesse semplice o composto. 
Ma che differenza c'è? Vediamo insieme.

tasso di interesse

L'interesse viene detto semplice quando è proporzionale al capitale e al tempo. Ovvero gli interessi, maturati da un dato capitale nel periodo di tempo considerato, non vengono aggiunti al capitale che li ha prodotti (capitalizzazione) e, quindi, non maturano a loro volta interessi. 
L'interesse viene detto composto quando, invece di essere pagato o riscosso, è aggiunto al capitale iniziale che lo ha prodotto. Questo comporta che alla maturazione degli interessi il montante verrà riutilizzato come capitale iniziale per il periodo successivo, ovvero anche l'interesse produce interesse. 

Fin qui tutto chiaro, ma la maggior parte di noi non riesce a calcolare a mente l'interesse composto di un investimento e tende suo malgrado a trattarlo come semplice.


Facciamo un esempio di interesse semplice ed interesse composto e vediamo cosa cambia:

Capitale iniziale: 100.000 € durata - 10 anni - interesse 5%

INTERESSE SEMLICE

  • 1o anno: 100.000+5%= 105.000
  • 2o anno: 100.000+5%= 105.000
  • 3° anno: 100.000+5%= 105.000
  • 4° anno: 100.000+5%= 105.000
  • 5° anno: 100.000+5%= 105.000
  • 6° anno: 100.000+5%= 105.000
  • 7° anno: 100.000+5%= 105.000
  • 8° anno: 100.000+5%= 105.000
  • 9° anno: 100.000+5%= 105.000
  • 10° anno: 100.000+5%= 105.000

INTERESSI TOTALI = 50.000 €


INTERESSE COMPOSTO

  • 1° anno: 100.000+5%= 105.000
  • 2° anno: 105.000+5%= 110.250
  • 3° anno: 110.250+5%= 115.762,50
  • 4° anno: 115.762.50+5%= 121.550,62
  • 5° anno: 121.550,62+5%= 127.628,16
  • 6° anno: 127.628,16+5%= 134.009,56
  • 7° anno: 134.009,56+5%= 140.710,04
  • 8° anno: 140.710,04+5%= 147.745,54
  • 9° anno: 147.745,54+5%= 155.132,82
  • 10° anno: 155.132,82+5%= 162.889,46
INTERESSI TOTALI = 62.889,46 €

Come si può notare, nel medesimo orizzonte temporale di 10 anni e allo stesso saggio del 5%, l'interesse semplice ha prodotto 50.000 € di plusvalenza, mentre quello composto ben 62.889,46 €, cioè 12.889,46 € in più.
Inoltre bisogna tener conto anche del tasso d'interesse reale, che è depurato dell'inflazione: infatti quando il tasso di inflazione sale e il tasso nominale di interesse è basso, è possibile che il tasso di interesse reale sia negativo. Chi percepisce il tasso di interesse rischia di credere di incassare un reddito positivo, che in realtà, tenuto conto dell'inflazione, è negativo.

Consiglio: affidatevi ad un professionista che può spiegarvi queste cose e, dopo un'analisi della vostra situazione finanziaria, sarà in grado di coniugare le vostre esigenze con gli strumenti più appropriati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top