7
Mar

Social Network - Una consapevolezza che cresce

“Iniziare un nuovo cammino spaventa, ma ad ogni passo ci rendiamo conto di quanto pericoloso era rimanere fermi”. (Roberto Benigni)

Social-media

Voglio condividere con voi una consapevolezza che, sebbene presente in me già da tempo ma in maniera latente, dopo l’incontro illuminante di cui accennerò in questo articolo, è emersa prepotentemente e che ora mi vedrà portatore di essa all'interno dell’azienda con la quale collaboro, ma che auguro a chiunque mi legga di prenderne coscienza e di non restare fermo.

Passare due giorni a stretto contatto con dei professionisti del web e del Social Media Marketing ti può aprire nuovi orizzonti, nuove motivazioni e allo stesso tempo farti capire quanto il mondo intorno a noi cresce ad una velocità talmente elevata che noi stessi non riusciamo a percepire e quanto pericoloso sarà restare fermi.

Per mia fortuna, sono stato invitato a partecipare ad un corso di formazione e condivisione di temi Social con alcuni degli esponenti più illustri in materia oggi presenti in Italia, come Oscar Di Montigny, Riccardo Scandellari e Umberto Macchi.

Conoscere ed approfondire le dinamiche dei Social Network e di come gli utenti si interfacciano ad essi, oggi (e non domani) per un’azienda fa la differenza tra chi si affermerà nel mercato e chi inesorabilmente verrà spazzato via dal nuovo che emergerà o da chi si adatterà prima e meglio al cambiamento. In Italia ci sono 29 milioni di account Facebook, di cui 23,5 milioni attivi ogni mese, 5,5 milioni in Linkedin e 2 milioni su Twitter: un mercato vastissimo se solo le nostre aziende sapessero come raggiungerlo. Poche aziende in Italia hanno compreso questo e, tra quelle poche che l’hanno capito, poche a sua volta sanno cosa fare e come farlo o a chi rivolgersi per farsi trovare preparate.

E tu, lavori o hai un’azienda orientata a questo nuovo mercato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top