13
Giu

Quali sono i rischi di una polizza a gestione separata?

gestione separataLe polizze di Ramo I, dette anche a Gestione Separata, sono da sempre uno dei prodotti di risparmio preferito dagli italiani. Il perché è facilmente intuibile: permettono la rivalutazione dei premi anno dopo anno, senza oscillazioni e anzi, spesso hanno anche dei rendimenti minimi garantiti. Cosa vuoi di più?

Ma è tutt'oro ciò che luccica? Come ti dico sempre, vai in profondità.

Cos'è una Gestione Separata?

La Gestione Separata è un fondo costituito da un’insieme di attività finanziarie gestito dalla compagnia di assicurazioni, in cui confluiscono i premi derivanti da contratti di assicurazione sulla vita rivalutabili.

Questi premi, al netto dei costi a tuo carico, vengono investiti dalla compagnia attraverso una gestione professionale principalmente in obbligazioni e Titoli di Stato. Solo una minima parte è destinata al mercato azionario.

I titoli inseriti in portafoglio rimangono valorizzati al prezzo con il quale sono stati inizialmente acquistati (contabilizzazione a “costo storico”) sino al momento della vendita o rimborso. Per questo motivo, le gestioni separate non hanno un valore quota pubblicato giornalmente o settimanalmente che oscilla come i fondi comuni, ma resta stabile nel tempo e il rendimento finanziario viene calcolato solamente una volta l'anno.

Infine questo rendimento, al netto dei costi della gestione (solitamente circa un 1,5%), ti viene poi riconosciuto.

Analizziamo assieme quanti soldi tu assieme a tutti gli italiani avete in questi strumenti:

gestione separata

Sono 518,9 miliardi di euro, il 13,2% di tutto il risparmio degli italiani: un mare di soldi, formato da tante gocce come la tua.

Ora, con i titoli di stato a rendimento zero se non addirittura negativi, a quali problemi andrai incontro?

 

  1. Rendimenti sempre più bassi: come vedi dalla tabella, in 20 anni i premi versati in questi strumenti sono quasi decuplicati. Ovviamente i soldi nuovi che anno dopo anno sono entrati nel fondo, hanno obbligato il gestore a comprare titoli di stato con rendimento via via sempre più basso, andando ad abbassare il risultato della gestione stessa e inficiandolo sempre di più in futuro.
  2. Rendimento minimo garantito: fino a quando i rendimenti dei titoli di stato erano alti, il problema era limitato. Oggi i tassi sono negativi e acquisto dopo acquisto il rendimento medio della gestione scende rapidamente: come faranno le compagnie a garantirti il rendimento minimo offerto da contratto?
  3. Sicurezza: con l'entrata in vigore di Solvency II (il nuovo regime di vigilanza prudenziale per il settore assicurativo), le compagnie assicurative sono costrette ad accantonare capitale per coprire eventuali perdite inattese (vedi tassi negativi) e non essere considerate a rischio insolvenza. Se questo periodo di tassi negativi dovesse prolungarsi nel tempo, alcune compagnie potrebbero fallire. E i tuoi soldi?
  4. Sicurezza bis: le gestioni separate, investendo gran parte dei tuoi soldi in titoli di stato, sono soggette al rischio Paese. Se il debito pubblico italiano dovesse continuare a salire, potrebbe rendersi necessaria una ristrutturazione dello stesso affondandole, e con loro i tuoi soldi.

Come hai visto non esiste il prodotto perfetto a priori ed esente da rischi. "Rendimento certo" e "capitale garantito" sono ottime carte che banche e assicurazioni giocano per collocarti le polizze e altri strumenti, ma la realtà è che sono due concetti che non esistono.

Se adesso sei preoccupato per il futuro dei tuoi soldi, sappi che esistono le alternative valide a questo strumento. Parlane con un professionista per farti consigliare lo strumento che più si adegua alle tue esigenze, perché è da lì che bisogna partire per pianificare i risparmi.

Per chiedermi un consiglio o un chek-up invece, compila il form qui sotto, sarò ben lieto di aiutarti.

 

 

 

 

 

Comments

  1. luca ha detto:

    salve io ho sottoscritto una polizza vita che si chiama ( Unigarantito life ) e un altro investimento ( Life bonus stars ) vorrei sapere se sono sicure , e come mi posso comportare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top